Dal CFO al CVO - Intervista ad Alfredo Longo, Senior Partner di Expense Reduction Analysts

Mentre il mondo dell’impresa evolve, le aziende si impegnano ad integrare sempre più la digitalizzazione nei loro processi. Alfredo Longo, Senior Partner di ERA, ci racconta l’impatto delle tecnologie digitali sulle responsabilità del CFO.

D: In una società sempre più globale e digitale, qual è il ruolo del progresso tecnologico nel business?
AL: La Trasformazione 4.0 è in corso e il progresso tecnologico continuerà a influenzare le aziende, in particolare i ruoli aziendali incaricati di gestire i nuovi modelli e implementarli a beneficio dell’azienda.

D: Quali dipartimenti aziendali saranno maggiormente investiti dai cambiamenti?

AL: Importanti cambiamenti sono previsti senz’altro per il dipartimento ICT. Tuttavia, in questo contesto economico mutevole, il Finance non può continuare a essere solo un hub che produce e controlla i dati. Ai CFO devono essere forniti gli strumenti necessari per gestire le priorità amministrative e pianificare le strategie.

D: Quali saranno quindi le nuove competenze per il CFO nell’Industria 4.0?
AL: Le competenze tecniche non saranno sufficienti per influenzare le strategie e il processo di cambiamento dell'azienda. Il "nuovo" CFO dovrà disporre di notevoli capacità per gestire il cambiamento, una conoscenza approfondita del business, buone competenze digitali e un processo decisionale proattivo.

D: Quale sarà il ruolo del CFO nei prossimi 5 anni?
AL: I CFO saranno tenuti a sostenere l'innovazione e la realizzazione di nuovi modelli di business, ad agire come acceleratori di nuove strategie e a favorire la crescita. Abbandoneranno il tradizionale ruolo di esperti in Amministrazione e Finanza per influenzare il processo di cambiamento delle aziende. Ecco perché il CFO potrà trasformarsi in un Chief Value Officer, e creare così ulteriore valore per l'azienda.